Verso l’estate: vitamine e minerali da integrare alla dieta

donna perimenopausa in forma

Aprile è un mese di transizione nel quale anche il corpo affronta un passaggio: sonnolenza, cefalea, riposo difficoltoso, dolori alle ossa. Ecco come puoi agevolare questo passaggio e ritrovare il brio.

La chiamano “stanchezza di primavera” (o anche “mal di primavera”) ed è quella sensazione – che almeno una volta nella vita abbiamo conosciuto tutti – fatta da un fastidioso mix di affaticamento, debolezza, sonnolenza, difficoltà di concentrazione, a volte mal di testa. Una sorta di “letargo” dal quale sembra difficile uscire proprio quando la bella stagione suggerirebbe un’esplosione di vitalità perché le giornate si allungano e le temperature si fanno dolci.

Niente di preoccupante: si tratta di una reazione dell’organismo al cambio di stagione, un piccolo sforzo di adattamento che clima e ora legale richiedono a corpo e mente. Spesso questa nuova condizione viene percepita come faticosa dal fisico e così può capitare di vivere la stagione di rinascita con addosso una sensazione di torpore costante che va oltre la “normale” stanchezza fisica e mentale che arriva magari dopo una giornata faticosa.

Se l’organismo è già stressato dai cambiamenti ormonali della perimenopausa questo affaticamento può essere avvertito con maggiore severità e rendere queste giornate particolarmente difficili.

Allo stesso tempo la “stanchezza di primavera” può acuire alcuni disagi e fastidi riconducibili agli squilibri ormonali o meglio, può affastellarsi ai disagi di vampate, irritabilità e insonnia e rendere tutto molto meno sopportabile a livello psicologico. Ma vediamo in questo articolo come puoi ricaricarti velocemente e godere dell’estate alle porte.

Perché in perimenopausa puoi risentire di più del cambio di stagione?

I cambiamenti ormonali che sono tipici della lunga fase chiamata perimenopausa (può durare anche 6-7 anni) nella quale l’organismo si prepara alla cessazione definitiva delle mestruazioni, non si manifestano soltanto con l’irregolarità mestruale e le vampate, ma possono farsi sentire anche in altri distretti del nostro corpo con una serie di effetti correlati meno noti (e per fortuna meno frequenti).

È il caso dei disturbi del sonno e di una generalizzata tendenza all’astenia, una sensazione di stanchezza che non fa piacere a nessuno provare e che si acuisce con il cambio di stagione. L’assommarsi di queste due cause (la perimenopausa e la primavera) possono comportare una reazione “esagerata” del sistema nervoso ai cambiamenti climatici che va sotto il nome di metereopatia.

Eppure per sentirti meglio puoi fare tantissimo. Continua a leggere.

In perimenopausa e nel cambio di stagione è importante integrare la dieta con vitamine e minerali

Un regime nutrizionale equilibrato e la pratica regolare di attività fisica sono i capisaldi di un sano stile di vita, fondamentale a tutte le età e ancora di più per mantenersi in forma in menopausa. È scientificamente dimostrato che anche l’alimentazione può aiutare a preparare il corpo così come lo sport che può contribuire ad alleviare i disturbi legati agli squilibri ormonali.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

C’è, però, un accorgimento in più da adottare in specifiche fasi della vita biologica nelle quali, per cause del tutto fisiologiche (quindi naturali), si ha un aumentato fabbisogno di vitamine e minerali: puoi integrare la dieta con nutrienti e principi attivi naturali facendoti consigliare anche dal tuo medico.

Vitamine e minerali consigliati in perimenopausa e menopausa

La menopausa ti fa sudare?

Scopri Femal, efficacia senza estrogeni


Femal è un prodotto a base di estratto purificato di polline che non contiene isoflavoni di soia e trifoglio rosso che hanno, invece, un effetto estrogenico.
Femal è efficace contro i principali disturbi della perimenopausa.

Prova Femal adesso

 

Vediamo quali sono le vitamine e i minerali consigliati in vista della menopausa e in quali cibi puoi trovarli:

Calcio per preservare la salute delle ossa

E come strumento prevenire l’osteoporosi. Si calcola che già dopo i 45 anni una donna abbia un fabbisogno di calcio superiore alla media, cioè pari a circa 1500 mg anziché 1000 mg al giorno

Vitamina D

per un corretto assorbimento del calcio nelle ossa

Vitamine del gruppo B

per il buon funzionamento del sistema nervoso e di quello immunitario

Vitamina A

per preservare la salute di tessuti e denti

Magnesio e fosforo

per la salute di ossa e denti ma anche per la difficoltà di concentrazione

Rame, Selenio e zinco

per le loro proprietà antiage e in particolare per rafforzare unghie e capelli

Se vitamine e minerali non bastano prova Femal

Femal è un integratore 100% di origine vegetale a base di estratto purificato di polline che può aiutarti a combattere la stanchezza. In più è efficace anche per tenere sotto controllo altri fastidi tipici della menopausa, che nel cambio di stagione potrebbero farsi sentire di più:

Femal è privo di estrogeni e fitoestrogeni e ti garantisce un’efficacia naturale perché  ha una formulazione 100% di origine vegetale (che lo rende adatto anche a chi segue un’alimentazione vegana o vegetariana).

Può essere assunto sin dai primi disturbi della perimenopausa perché è adatto ad un uso prolungato nel tempo. Con un indice di tollerabilità elevato (98%), Femal è adatto anche alle donne con una storia oncologica più o meno recente e ai soggetti allergici al polline perché non ne contiene gli allergeni.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Ti potrebbe anche interessare:

Menopausa

Spotting ovulatorio, cos’è?

Le piccole perdite tra una mestruazione e l’altra possono essere più comuni durante i giorni dell’ovulazione e, anche se sembra strano, questo fenomeno può risultare frequente nel periodo che precede la menopausa. Ecco da cosa può dipendere e cosa si può fare.

Ti stiamo reindirizzando sul sito partner efarma.com dove potrai effettuare l'acquisto.
è verificato e sicuro!
Sarai reindirizzato tra... 5 sec