Depressione in menopausa: combatti la tristezza così

13 Maggio 2019
MENOPAUSA
depressione in menopausa

La tristezza o una tendenza depressiva possono essere difficili da superare, specialmente quando gli ormoni non aiutano, come in menopausa. Ecco alcune buone regole da seguire con i consigli dello psicoterapeuta.

Non solo vampate di calore, aumento di peso, sudorazione notturna e irregolarità del ciclo mestruale. Il calo dei livelli di estrogeni associato alla menopausa può anche causare sbalzi di umore e irritabilità. Infatti, in questo periodo, è molto comune sentirsi in uno stato come di costante sindrome premestruale, con quella stessa fragilità che ogni donna si trova ad affrontare con cadenza mensile.

Questi cambiamenti emotivi sono considerati normali durante la menopausa e solitamente gestiti attingendo alle proprie risorse interiori e con il supporto delle amiche o del partner.

Tuttavia, è importante distinguere tra un generale senso di tristezza e mancanza di energie e forme più serie di depressione, che non dovrebbe mai essere considerata come un evento “normale”. Con questo post vogliamo aiutarti a capire come superare queste fasi e quando è il caso di rivolgersi ad un professionista, per evitare ripercussioni ben più difficili da gestire.

Tristezza e depressione in menopausa

La tendenza depressiva o umore depresso (non ancora depressione tout-cours) colpisce fino al 25% delle donne che si trovano ad affrontare la menopausa.

Tuttavia, durante questo periodo di transizione la donna può diventare più vulnerabile alla depressione. Il rischio di depressione è maggiore nelle donne che ne hanno sofferto in passato, anche dopo il parto, o che si sentivano più vulnerabili durante il ciclo mestruale.

Ciò che determina, nella maggior parte dei casi, una situazione di insofferenza o disagio è innanzitutto la marcata irregolarità del ciclo mestruale, fino alla sua graduale scomparsa: una testimonianza del disordine ormonale che regna nel corpo femminile. Un cambiamento invisibile ma molto determinante, che non sempre viene accettato subito.

La transizione verso la menopausa può durare anche diversi anni ed è proprio in questo momento in cui sopraggiungono anche altri disturbi più o meno fastidiosi: vampate di calore, sudorazione notturna, insonnia o difficoltà a riposare bene e difficoltà di concentrazione. Per molte donne, questi fastidi sono facilmente gestibili, tuttavia in qualche caso, specie se uniti al fatto di non accettare i cambiamenti fisici e psicologici della menopausa, questi problemi possono essere più accentuati e pesanti da affrontare.

Menopausa e depressione: il ruolo degli ormoni

Diverse teorie sono state proposte per spiegare il senso di tristezza o stati depressivi durante la premenopausa.

La psicologica tradizionale ha proposto la teoria della “sindrome del nido vuoto” o altri aspetti legati al passaggio verso l’età non fertile e associati a sentimenti di perdita e tristezza. Più recentemente, la ricerca si è concentrata sugli effetti biologici delle fluttuazioni ormonali sull’umore, poiché questo è il momento in cui le ovaie iniziano a produrre meno estrogeni.

La menopausa ti abbatte?

Scopri Femal: efficacia, senza estrogeni

Femal è un prodotto a base di estratto purificato di polline che non contiene isoflavoni di soia e trifoglio rosso che hanno, invece, un effetto estrogenico.
Femal aiuta l’umore e la tua vita attiva.


PROVA FEMAL ADESSO

Gli estrogeni interagiscono con le sostanze chimiche nel cervello che possono influenzare l’umore, in particolare riducendo i livelli di serotonina, l’ormone della felicità e del benessere. In alcune donne questo può portare a stati di tristezza o di leggera depressione, accentuati ulteriormente dal disagio causato da vampate di calore, insonnia e fastidi correlati.

Cosa fare per combattere tristezza e depressione in menopausa: i consigli dello psicoterapeuta

Vivere questa transizione scongiurando la depressione e riuscendo a gestire gli sbalzi di umore è possibile. Come? Innanzitutto, seguendo una dieta equilibrata e praticando esercizio fisico moderato ma costante.

Sembrano consigli di “buon senso”, ma non sono solo questo. Uno studio che ha coinvolto 34mila donne ha dimostrato che anche l’esercizio fisico moderato, come la camminata veloce, aiuta a prevenire la depressione. Yoga e meditazione possono anch’essi risultare provvidenziali per superare questo momento con serenità.

In questo momento è particolarmente importante non allontanarsi dalla propria cerchia di amici e familiari e trovare il tempo per dedicarsi alle attività che più si amano, incluse le attività creative e ricreative.

Per lavorare su te stessa ed affrontare al meglio questo periodo di cambiamento, ecco alcuni consigli del nostro psicoterapeuta:

1) Metti bene a fuoco che questo momento è transitorio, una fase di passaggio che, come tutte le trasformazioni, ha una prima fase di cambiamento ed una di assestamento. La prima fase è più dura, ma se riuscirai ad accoglierla passerà prima di quanto tu possa immaginare, regalandoti una nuova prospettiva sulla vita, sugli affetti, sugli interessi.

2) Hai già in te le risorse per affrontare questa trasformazione, come ogni donna. Quali capacità o strategie hai utilizzato, ad esempio, nella pubertà con la comparsa del menarca? Ricordi quanto è stato complesso il passaggio da bambina a donna? Eppure lo hai affrontato con la certezza che era tutto normale, che stavi diventando grande e perciò qualcosa di straordinario ti attendeva.
Ecco: ciò che ti aiutato in passato può esserti utile anche oggi per affrontare questo cambiamento.

3) Per affrontare questo momento di transizione come un cambiamento positivo, devi imparare a gestire la tua emotività attraverso un forte rispetto verso te stessa, dedicandoti ad attività salutari e positive: riposare quando sei stanca chiedendo un aiuto esterno per le attività quotidiane, se necessario; fare attività sportiva leggera ma con regolarità per scaricare preoccupazioni e aggressività, trovare dei momenti di pausa o stacco dalle attività quotidiane per alleviare le tensioni che normalmente ci sono. Basta una serata in una Spa oppure un aperitivo con le amiche per fare qualcosa solo per te stessa e per il tuo benessere emotivo.

4) Quando non ti senti al 100%, impara a delegare, a chiedere agli altri, a scrollarti di dosso alcune responsabilità (reali oppure il tuo senso di responsabilità verso cose sulle quali puoi allentare la presa), a dire di no, a chiedere aiuto.

Riconoscere la depressione in menopausa

Il primo passo per distinguere un comune stato di apatia e mancanza di energie e motivazione dalla depressione è prestare attenzione al tuo umore.

Se provi tristezza, se ti senti irritabile o demotivata, inizia a tenere traccia dei tuoi stati d’animo. Annota anche i disturbi fisici, se ve ne sono, che noti in associazione a questi stati d’animo.

Come una sorta di diario dell’umore, questo strumento può aiutarti a capire se è il caso di ricorrere all’aiuto di uno specialista. Se il tuo umore è un limite per le tue attività quotidiane e ti impedisce – in qualche modo che ti sembra importante – di svolgere la tua vita normalmente, tutti i giorni, con frequenza, allora devi fare qualcosa. Se noti che il disagio si perpetra per più di 3 mesi consecutivamente, è il momento di parlare dei tuoi disturbi con un professionista.

Se pensi invece di essere in grado di gestire la situazione, oppure se dal tuo diario emerge il fatto che i disturbi sono meno ricorrenti di ciò che immaginavi, è giunto il momento di farti qualche regalo speciale e di prenderti solo un po’ cura di te. È l’unica cosa della quale hai davvero bisogno in questo momento.

Non dimenticare, in ogni caso, di rivolgerti al tuo ginecologo il quale si potrà occupare di aiutarti a gestire meglio i disturbi della menopausa consigliandoti un percorso specifico.

Sei un po’ giù di tono perché la menopausa ti stressa? Prova Femal

Se il tuo umore ballerino è dovuto a stanchezza, difficoltà a riposare e a quelle fastidiose vampate che ti mettono in imbarazzo durante il giorno e ti fanno svegliare sudata di notte, allora puoi provare Femal, un integratore alimentare a base di estratto purificato di polline, adatto anche a chi ha allergie o intolleranze, che in modo naturale aiuta a mantenere  i livelli di endorfina elevati e ti fa sentire meglio.Molte donne lo hanno già provato e commentato sulla nostra pagina Facebook oppure qui, sul nostro sito web.

Leggi ciò che si dice di Femal e preparati a stare meglio!

Condividi questo articolo:

Perchè scegliere Femal

Femal è un integratore non un medicinale, e già dopo due mesi di trattamento costante con 1 capsula al giorno apporta un miglioramento significativo dei 5 disturbi della menopausa. L'ottima valutazione del prodotto da parte delle donne che già lo utilizzano è una garanzia di successo.