Menopausa e figli adolescenti? Imparare a gestire i conflitti

5 Febbraio 2020
MENOPAUSA
madre e figlia in conflitto

Un binomio che spaventa, quando due (o più) persone in casa sono nel bel mezzo di una tempesta ormonale: da un lato la mamma in perimenopausa, dall’altra i figli e le figlie in età puberale. Imparare a gestire i conflitti è importantissimo. Ecco qualche consiglio.

Irritabili, nervosi, un attimo prima sereni e sorridenti, un attimo dopo in preda a una crisi di nervi o allo sconforto. È una situazione comune tanto alle mamme in perimenopausa (il graduale percorso che porta alla scomparsa definitiva del ciclo mestruale) quanto ai figli adolescenti.

In effetti in tutti e due i momenti della vita la motivazione di questa altalena d’umore è la medesima: lo sconvolgimento ormonale che arriva a segnare una tappa fisiologica ma importantissima nella vita. Da un lato si passa da bambini a adulti, dall’altro la vita fertile giunge al suo capolinea.

Menopausa e adolescenza sotto lo stesso tetto

Quando menopausa e adolescenza bussano insieme alla stessa porta, la vita familiare può diventare difficile da gestire: il rischio che ogni giorno si accenda una miccia, infatti, è molto concreto. Parliamo, non a caso, di due fasi della vita così “impattanti” da costituire una trasformazione sociale per l’intero nucleo familiare che si trova a viverle, anche singolarmente, figuriamoci in contemporanea.

La causa della “tempesta” è biologica da ambo i lati sono gli ormoni. Per le donne che si avviano alla fine dell’età fertile sul banco degli imputati c’è il calo nella produzione ormonale, per i ragazzi che si avvicinano all’inizio dell’età fertile, al contrario, è l’aumento dei livelli di ormoni a provocare nervosismo, crisi di pianto, irritabilità. In comune c’è, a 50 anni come a 14, un balletto di emozioni.

E proprio lì nel mezzo, un bene preziosissimo: la stabilità della famiglia.

Cosa fare in concreto per metterla al riparo da discussioni e sfuriate? Se da una parte non resta che aspettare che passi la burrasca ormonale da entrambe le direzioni, dall’altra è anche vero che imparare a gestire i conflitti è fondamentale per stemperare le tensioni familiari e non rendere la quotidianità invivibile. Ecco qualche consiglio.

La menopausa delle mamme vista con gli occhi dei figli adolescenti

Agli occhi di un figlio, che sia adolescente o meno (secondo Eurostat in Italia l’8,6% dei figli nasce da donne di 40 anni o più), la perimenopausa della propria madre può apparire come un periodo incomprensibile. Irritabilità, tristezza apparentemente immotivata, apatia, e poi quegli strani episodi in cui la mamma compare improvvisamente tutta rossa in viso chiedendo di spalancare le finestre anche in pieno inverno: cos’avrà mai?

Che sia un ragazzo o una ragazza, è chiaro che i figli sanno poco o niente di menopausa, sbalzi d’umore, vampate di calore, e altri disturbi legati alla scomparsa del ciclo mestruale. Così l’unica arma che hanno in tasca è quella della critica: “con te non si può più parlare”, “sei diventata intrattabile”. Parole che possono innescare un putiferio in certi giorni in cui gli ormoni giocano qualche scherzetto (ad entrambi).

Quante risposte sulla menopausa vorresti avere per i tuoi figli quando continuano ad incalzati chiedendoti con i nervi a fior di pelle “ma si può sapere che hai?” È proprio questa la cosa migliore da fare: abbandona pudori e imbarazzi, parla con i tuoi figli della lenta e graduale trasformazione che il tuo corpo e la tua mente stanno attraversando (non senza fatica) per concludere una fase fondamentale della tua vita di donna. La menopausa è un evento fisiologico, del tutto naturale, non c’è nulla di cui vergognarsi. Soprattutto se sei madre di una ragazza, raccontare la menopausa a tua figlia sarà molto più semplice e importante di quanto credi.

L’adolescenza dei figli vista con gli occhi delle mamme in menopausa

Porte sbattute e chiuse a chiave, urla immotivate e silenzi difficili da rompere: un figlio che da bambino diventa adolescente può sembrare un “alieno” anche agli occhi della propria madre. Servono comprensione, disponibilità e una dose infinita di pazienza per capire quei disagi del corpo e della mente difficili da confidare ai genitori e più facili da far sfogare in ribellione e aggressività.

La menopausa ti rende nervosa?

Scopri Femal, efficacia senza estrogeni


Femal è un prodotto a base di estratto purificato di polline che non contiene isoflavoni di soia e trifoglio rosso che hanno, invece, un effetto estrogenico.
Femal è efficace contro i principali disturbi della perimenopausa.


Prova Femal adesso

Se a loro volta, però, mamma e papà vivono già un passaggio (come quello della perimenopausa) di cui può risentire anche la vita di coppia ecco che fare i genitori di un figlio che ha trai 12 e i 18 anni può diventare un’impresa ardua. I primi turbamenti sentimentali, i precoci comportamenti sessuali, l’ansia per i cambiamenti fisici e per la propria immagine (che poi, in fondo, è la stessa che hanno le mamme di fronte a gonfiori e chili di troppo), può aumentare il disagio di avere a che fare con la perimenopausa. È chiaro che una mente e un corpo già provati da una instabilità ormonale, possono più facilmente risentire di altri input altrettanto instabili che vengono dall’esterno.

Menopausa e figli adolescenti: 5 consigli per gestire i conflitti

La prima cosa sulla quale puoi concentrarti sei tu. Pensare a te stessa e al tuo benessere è fondamentale per recuperare innanzitutto la tua centratura, il rapporto con il tuo corpo e i tuoi ritmi vitali.

Se tu stai bene riuscirai a gestire meglio i figli che vivono una fase delicata. Se non hai energia, buon umore, interessi, come puoi avere equilibrio e nervi saldi per rapportarti con loro?

  • Chiedi aiuto se ne hai bisogno, senza vergogne o reticenze, puoi consultare uno psicologo o un terapeuta che potrà guidarti verso una migliore gestione mentale delle tue giornate e dei tuoi cambiamenti climaterici. Un incontro con uno specialista potrebbe rimettere in sesto anche la tua vita di coppia se sta subendo gli scossoni del tuo umore ballerino.
  • Cura la tua alimentazione e non cedere al fascino del cibo scaccia-ansia. Ciò che mangiamo può aiutare molto il corpo a ritrovare forza e vigore grazie a sostanze nutritive che collaborano con il miglioramento delle condizioni di base. Puoi anche scegliere un integratore come Femal che ti consente di assumere sostanze naturali che mitigano i disagi della perimenopausa aiutandoti con vampate, insonnia, irritabilità e non aggiungono calorie alla tua dieta.
  • Se senti di voler perdere peso non seguire diete improvvisate. Invece di perder tempo con regimi alimentari rigidi e poco equilibrati (che potrebbero anche peggiorare i disturbi della menopausa), consulta uno specialista per un piano alimentare personalizzato e adatto alla tua età e al tuo obiettivo.
  • Fai attività fisica: aiuta a tenere sotto controllo il fisiologico aumento di peso ma anche su di tono l’umore
  • Non trascurare i controlli periodici: in una fase di passaggio come quella che stai vivendo, sono fondamentali per tutelare la tua salute e tenere sotto controllo disturbi e fastidi che negli anni della perimenopausa possono appesantirti nel corpo e nell’anima. Ricorda che alcuni disturbi intimi (come la secchezza vaginale) possono essere normali in menopausa ed essere risolti con una visita ginecologica.

Energia, Equilibrio, Esercizio e Amore. La ricetta giusta per stare meglio con tuo figlio

Per stare accanto ad un figlio adolescente serve una buona dose di energia ed altrettanta di equilibrio: se disturbi del sonno e dell’umore, fastidi e disagi fisici ti fanno sentire giù di tono e, insieme, ti tolgono serenità, sarà difficile recuperare le forze per aiutare un’altra persona a ritrovare il suo equilibrio.

Così come hai avuto la forza di superare tante salite sin da quanto è nato, adesso tocca ancora a te prendere le redini della situazione e guidare il suo ingresso nella vita adulta: ti servirà tanto esercizio per chetare i tuoi impulsi di mamma e di donna in perimenopausa. Anche qui, puoi trovare un valido aiuto nelle discipline olistiche e nel rilassamento che sono una vera manna dal cielo per calmare irritabilità e scatti d’ira, ansia e tristezza. Naturalmente questo ti impegnerà mentalmente in un esercizio mentale continuo che sarà tanto più efficace, quanto più costante.

Per superare anche questo scoglio servirà tutto l’amore che hai e che non potrai risparmiare, adesso. Tu e tuo figlio sarete presto fuori da questa piccola tempesta ormonale e, se gestirete questo momento con saggezza, vi ritroverete in mano un rapporto diverso ma meraviglioso.

In questi momenti potrai farti aiutare anche da Femal, l’integratore naturale più consigliato dai ginecologi italiani* a base di estratto di polline purificato efficace sui 5 disturbi più fastidiosi della menopausa: stanchezza, insonnia, vampate di calore, sudorazioni notturne, irritabilità. Chi ha provato Femal lo consiglierebbe senza esitazione alle amiche e il 98% delle donne che usa Femal non ha avuto effetti indesiderati.

4 atteggiamenti di cui fare tesoro

Lo sappiamo quanto è complicato, nel momenti in cui accade, fermarsi a riflettere su ciò che stai passando. Ti servirà tanto impegno, ma potrai farlo se vorrai.

  1. Frena l’aggressività: l’autorità dei genitori è sacrosanta, concordiamo con te, ma quando senti che un “incidente” tra i vostri ormoni è a un passo dallo scatenare una pericolosa aggressività, fa tu la prima mossa. Allontanati dalla stanza e interrompi all’improvviso la discussione se si sta facendo troppo accesa. Non vuol dire fare un passo indietro ma, in modo più semplice e intelligente, controllare per prima le emozioni (tu sei adulta e sai farlo) al fine di non alimentare il fuoco.
  2. Mettiti al posto suo: se torni a casa con il morale sotto i tacchi per un problema di lavoro che ti mette ansia o per un momento “no” che ti colpisce più del solito e trovi tua figlia in piena crisi adolescenziale, prima di avere reazioni forti fermati per un attimo a ricordare te stessa da ragazzina, con onestà. Tutto sommato siete sulla stessa barca: entrambe vi guardate allo specchio e non vi riconoscete nel vostro nuovo corpo, entrambe non vi sentite a posto con voi stesse, entrambe vivete un momento di transizione. Aiutatevi.
  3. Non giudicarlo/a: per un ragazzino che cerca il suo posto nel mondo non c’è niente di peggio che sentirsi additato dalla madre e dal padre circa i suoi gusti, le sue idee, i suoi obiettivi. Sicuramente avresti molto da obiettare ma tieni a mente che non sarà così per sempre e di conseguenza non allarmarti nell’immediato. Negli anni vedrai tuo figlio o tua figlia cambiare idea tante volte su ciò che vuole e su ciò che gli piace.
  4. Usa il dialogo per ritrovare la complicità: se i turbamenti dell’adolescenza, da una parte, e quelli della menopausa, dall’altra, hanno alzato un muro fatto di silenzi e musi lunghi, sta a te abbatterlo. Il dialogo con un figlio adolescente è difficile, è vero, ma se userai l’arma della semplicità riuscirai nel tuo intento. Parla al tuo ragazzo o alla tua ragazza in modo facile e fresco, spiegagli quale fase della tua vita attraversi e ricordagli che quella con cui si sta misurando lui (o lei) tu l’hai già passata. Essere entrambi alle prese con un momento non facile da gestire potrebbe rendervi complici più di quanto immagini.

*Elaborazione su dati IQVIA Medical Audit (MAT settembre 2019 – Classe 12D4 prodotti per menopausa)

Condividi questo articolo:

Perchè scegliere Femal

Femal è un integratore non un medicinale, e già dopo due mesi di trattamento costante con 1 capsula al giorno apporta un miglioramento significativo dei 5 disturbi della menopausa. L'ottima valutazione del prodotto da parte delle donne che già lo utilizzano è una garanzia di successo.